COMITATO NO AL BITUME SÌ AL PARCO DEL TREBBIA

 

 

 

Il 20 marzo 2015 la cittadinanza di Gossolengo apprendeva dalla stampa la notizia dell'iter, che amministrazione comunale e provincia avevano avviato già da qualche tempo, che avrebbe portato ad autorizzare a luglio dello stesso anno, l'installazione di un impianto per la produzione di conglomerati bituminosi con una capacità fino a 200.000 t/anno. Il tutto in area contigua al Parco del Trebbia. Grazie a questo articolo Legambiente organizzò per quella sera una prima assemblea nella biblioteca di Gossolengo che determinò la nascita del comitato no al bitume sì al Parco del Trebbia. Siamo giunti al quarto anno di lotta e nonostante le delusioni, la fatica, la sconfitta in primo grado siamo ancora qui più decisi che mai ad andare avanti. Abbiamo deciso di ricorrere in appello, nonostante lo sforzo economico che questa azione comporta. Siamo infatti convinti che è un dovere di tutti noi fare quanto possibile per mettere un freno all'arroganza di chi nel Trebbia vede solo un territorio da depredare senza considerare le enormi potenzialità che questo territorio può offrire in termini di sviluppo turistico ed eno-gastronomico. 

In questi anni però abbiamo avuto anche le nostre soddisfazioni: veder riconosciuto che in 3 casi su 3 le nostre segnalazioni ad ARPAE erano fondate non ha prezzo!!! per tutto il resto c'è la convinzione che le battaglie giuste non sono solo quelle che si riescono a vincere.

 

Donazioni

Aiuta il comitato a raccogliere i fondi necessari a sostenere le spese per il ricorso al consiglio di stato. Clicca sul pulsante qui sotto per fare una donazione.

Dalla pagina Face book del comitato

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Ricorso al TAR

Primo ricorso per motivi aggiunti (30-10-15)

Secondo ricorso per motivi aggiunti (30-05-17)

Istanza di sospensiva e ordinanza Tar

Sentenza TAR (11-01-18)

Ricorso al CDS